Resilience buffers the impact oft raumatic events on the development of PTSD symptoms in firefighters.

Anno e autore
2014. Lee, J-S., et al.

Abstract
La resilienza è considerata un potente fattore di protezione per contrastare l’impatto dello stress traumatico sullo sviluppo del PTSD. C’è notevole mancanza di ricerca riguardo allo sviluppo di un modello di resilienza, in particolare che includa sia fattori di rischio che fattori di protezione. L’obiettivo di questo studio è stato quello di esaminare i possibili mediatori e moderatori che influenzano il rapporto tra lo stress umano e il PTSD usando una analisi di mediazione moderata. I risultati dello studio hanno evidenziato che lo stress traumatico ha avuto un impatto diretto e indiretto, tramite lo stress percepito, sullo sviluppo dei sintomi di PTSD; inoltre, la relazione tra lo stress e i sintomi di PTSD, attraverso la rilevazione dello stress percepito, è stata moderata dalla resilienza individuale. In particolare, sotto lo stesso livello di resistenza traumatica, i vigili del fuoco con livelli di resilienza elevati erano protetti dagli impatti diretti e indiretti di eventi traumatici rispetto a quelli con livelli inferiori di resilienza individuale. È importante notare che non tutti i vigili del fuoco con livelli elevati di esposizione al trauma sviluppa sintomi di PTSD attraverso un aumento di percezione dello stress. Alcuni vigili del fuoco con alti livelli di resilienza sembravano superare le avversità ed erano protetti dal rischio di sviluppare sintomi di PTSD, mentre quelli con livelli inferiori di resilienza individuale erano più suscettibili allo sviluppo di sintomi di PTSD attraverso l’escalation della percezione dello stress (effetto indiretto condizionale).
Inoltre, già i vigili del fuoco con livelli di resilienza individuale maggiore del 10° percentile possono sfuggire all’impatto dannoso dello stress traumatico verso i sintomi di PTSD così come quelli con un punteggio oltre il 90° percentile sullo stesso stress traumatico. Questi risultati illustrano l’importanza della resilienza individuale come fattore protettivo contro i sintomi di PTSD in vigili del fuoco con elevati livelli di stress traumatico e / o percepito. La scoperta che la resilienza non è significativamente correlata con eventi di stress traumatico suggerisce che la resilienza potrebbe essere un tratto piuttosto che uno stato. I risultati attuali sottolineano ulteriormente resilienza individuale come fattore chiave nella valutazione dell’idoneità per dovere nei vigili del fuoco frequentemente esposti a eventi traumatici.

Obiettivo e disegno dello studio
L’obiettivo di questo studio è stato quello di esaminare i possibili mediatori e moderatori che influenzano il rapporto tra lo stress umano e il PTSD usando una analisi di mediazione moderata

Setting e popolazione dello studio
Gli autori hanno studiato l’effetto tampone della resilienza su eventi traumatici nello sviluppo di sintomi di PTSD in 552 vigili del fuoco di quattro città koreane.

Costrutti indagati e strumenti utilizzati
– Eventi traumatici misurati con Life Event checklist;
– PTSD misurata con Impact of Event Scale-Revised
– Stress percepito è stato misurato con Perceived Stress Scale;
– Stress lavorativo specifico è stato misurato con Occupational Stress Scale;
– Resilienza individuale misurata con Connor-Davidson Resilience Scale

Conclusioni
I vigili del fuoco con livelli di resilienza elevati erano protetti dagli impatti diretti e indiretti di eventi traumatici rispetto a quelli con livelli inferiori di resilienza individuale.

Riferimenti
LEE, J-S., AHN, Y. S., JEONG, K. S., et al., 2014. Resilience buffers the impact of traumatic events on the development of PTSD symptoms in firefighters. Journal of Affective Disorders, 162, 128–133.

About the Author

Leave Comment