Developing a mentally healthy workplace: A review of the literature

Anno e autore
2014. Harvey, S. B., et al.

Abstract
Gli autori hanno concluso che SIT ha il vantaggio in quanto può essere fornito in un formato di gruppo, rendendolo potenzialmente efficiente ed economico, e può potenzialmente aumentare la resilienza. Un RCT condotto tra reclutati all’interno dell’Australian Defence Force ha scoperto che coloro che hanno intrapreso un breve programma cognitivo comportamentale volto a modificare le attribuzioni causali, locus of control, le strategie di coping e l’adeguamento psicologico ha avuto emozioni più positive e meno disagio psicologico alla fine del loro addestramento. Più recentemente, i programmi di resilienza nei militari hanno anche incorporato l’insegnamento mirato all’abilità di riduzione dell’eccitazione da utilizzare immediatamente dopo un evento stressante.

Obiettivo e disegno dello studio
Review sui fattori che contribuiscono alla salute sul posto di lavoro.

Setting e popolazione dello studio
Lavoratori in genere e per quanto riguarda ASD e PTSD lavoratori dell’emergenza sottoposti ad interventi di SIT e psicoeducazione.

Costrutti indagati e strumenti utilizzati
– PTSD
– SIT
– Psicoeducazione
– Nella review non sono indicati gli strumenti.

Conclusioni
C’è qualche evidenza solo su programmi strutturati di costruzione della resilienza e non interventi one shot.

Riferimenti
HARVEY, S. B., JOYCE, S., TAN, L., et al.,  2014. Developing a mentally healthy workplace: A review of the literature.  A report for the National Mental Health Commission and the Mentally Healthy Workplace Alliance.

About the Author

Leave Comment