Resilience–Recovery Factors in Post-traumatic Stress Disorder Among Female and Male Vietnam Veterans: Hardiness, Postwar Social Support, and Additional Stressful Life Events

Anno e autore
1998. King, L. A., et al.

Abstract
Le procedure di modellazione dell’equazione strutturale sono state utilizzate per esaminare le relazioni tra diverse dimensioni dei fattori di stress delle zone di guerra, fattori di recupero-resilienza e sintomi del disturbo da stress post-traumatico in un campione nazionale di 1.632 veterani del Vietnam (26% donne e 74% uomini). Un modello di misurazione a 9 fattori è stato specificato su un sottocampione di dati di genere misto e poi replicato su sottocampioni separati di veterani di sesso femminile e di sesso maschile. Per entrambi i sessi, i modelli strutturali hanno sostenuto forti effetti di mediazione per la risorsa intrapersonale caratteristica dell’hardiness, supporto sociale strutturale e funzionale del dopoguerra e ulteriori eventi negativi della vita nel periodo del dopoguerra. Il supporto per gli effetti moderatori o buffering in termini di interazioni tra il livello di stress della zona di guerra e i fattori di resilienza-recupero erano minimi.

Obiettivo e disegno dello studio
Esaminare le relazioni tra diverse dimensioni dei fattori di stress delle zone di guerra, fattori di resilienza, recupero e sintomi del PTSD.

Setting e popolazione dello studio
Campione nazionale di 1.632 veterani del Vietnam (26% donne e 74% uomini). I dati per questo studio provenivano dal NVVRS (Kulka et al., 1990) noto come National Survey of the Vietnam Generation. Abbiamo usato le risposte dei 1.632 veterani che hanno prestato servizio in Vietnam e dintorni come parte dello sforzo bellico tra il 5 agosto 1964 e il 7 maggio 1975.

Costrutti indagati e strumenti utilizzati
– hardiness misurato scomponendo le tre dimensioni di Kobasa (1979): control, committment, change as challeng;
– postwar social support misurato in supporto strutturale, emozionale e strumentale;
– eventi stressanti della vita;
– stressor delle zone di guerra misurate con la four war zone stressor;
– PTSD misurato con Mississippi Scale for Combat-Related PTSD, con il Diagnostic Interview Schedule (DIS-PTSD)

Conclusioni
L’hardiness è emersa come relativamente forte predittore diretto di PTSD, se confrontato con le altre variabili latenti, fattori di resilienza-recupero così come fattori di stress delle zone di guerra. Sembra che le persone con alto hardiness possano essere meglio in grado di costruirsi una rete di supporto più ampia o più complessa rispetto alle persone con poco hardiness.

Passando al supporto sociale, le ipotesi che il supporto sociale strutturale prevederebbe il supporto sociale funzionale e che il supporto sociale funzionale predirebbe il disturbo da stress post-traumatico sono state sostenute sia per il modello femminile che per quello maschile. Tra i fattori di resilienza – recupero, il supporto sociale funzionale ha avuto il più grande effetto totale sul disturbo da stress post-traumatico sia per le donne che per gli uomini, e ha avuto il più grande effetto totale tra tutte le variabili per le donne. Entrambi questi risultati sono in linea con il vasto corpo di letteratura accumulato che documenta il significato del supporto sociale per il benessere generale e il recupero da eventi di vita stressanti (ad esempio, S. Cohen & Wills, 1985; Holahan & Moos, 1981) e allo stato di salute mentale del dopoguerra dei veterani militari, in particolare (ad esempio, Egendorf et al., 1981; Keane et al., 1985; Z. Solomon et al., 1988).

Un ambiente fortemente stressante caratterizzato da eventi della vita negativi (lutti, divorzi, licenziamenti, ecc) fa percepire un minor supporto sociale e non consente di focalizzarsi sullo stress da combattimento e questo produce più facilmente PTSD; la perdita stessa di persone care riduce il supporto sociale.

Riferimenti
KING, L. A, KING, D. W., FAIRBANK, J. A., et al., 1998. Resilience-recovery factors in post-traumatic stress disorder among female and male Vietnam veterans: hardiness, postwar social support, and additional stressful life events. Journal of Personality and Social Psychology, 74 (2), 420-34.

About the Author

Leave Comment